I dieci benefici di un abbraccio!

image

Ph Marta Balello
Model Lucia Tiziani

L’abbraccio  è un gesto naturale, primordiale.

Abbracciarsi può essere considerato una vera e propria terapia per il mantenimento della salute e del benessere, poiché questo gesto da benefici sia fisici che psicologici.

I 10 maggiori benefici di un abbraccio.

1) Aiuta a mantenersi giovani

Un abbraccio ha effetti benefici sull’ossigenazione del sangue.  Quando abbracciamo qualcuno  infatti stimoliamo la produzione di emoglobina, che trasporta l’ossigeno ai tessuti. Una maggiore ossigenazione del sangue e dei tessuti migliora l’energia permettendo al corpo di mantenersi giovane.

2) Crea Benessere
L’abbraccio è un piccolo dono reciproco, gratuito, che crea benefici sia in chi lo da che in chi riceve.  che si donano calore e conforto a vicenda. Aiuta le persone a sfogarsi, aprirsi agli altri, riappacicarsi e confrontarsi.

3) Migliora l’Autostima
Studi scientifici hanno evidenziato come un abbraccio migliori l’autostima e le Continua a leggere

Annunci

Il tango aiuta a mantenere giovane il cervello.

 

 

 

 

Già si era scoperto che il ballo del tango migliora il tono muscolare, aiuta a perdere peso bruciando calorie e contrasta l’osteoporosi, ma ora si scopre che ha anche effetti benefici sul cervello.

 

Uno studio della prestigiosa McGill University di Montreal dimostra come questo ballo contribuisca a sviluppare la neuroplasticità, ossia il meccanismo di attivazione delle cellule nervose che ci permette di mantenere un cervello perfettamente funzionante.

 

La ricchezza cognitiva non dipende infatti dal numero di neuroni, che tra l’altro solitamente diminuiscono con l’età, ma dal numero di connessioni fra di loro.

 

Questo studio dimostra che i ritrmi medio-bassi del tango, la sua complessità e la varietà dei suoi passi richiedono l’attivazione di più aeree del cervello, influendo positivamente sul numero di connessioni neuronali.

 

Insomma un motivo in più per mantenere il cervello giovane e godere della vita.

 

Fonte: articolo di Mabel Bocchi da mens sana

Immagine